Rebel Fund: Un’Eccellenza Mondiale Del Venture Capital

Rebel Fund – Come funziona

Rebel è una società di venture capital, con sede negli Stati Uniti, e mira a investire nelle migliori start-up tecnologiche che si candidano ogni anno a Y Combinator, il principale acceleratore al mondo con oltre 80 unicorni e un valore complessivo delle aziende nel portafoglio di oltre $600 miliardi. Le decisioni di dovuta diligenza e investimento del fondo sono prese da un team di ex alunni di successo di Y Combinator che hanno fondato aziende ora valutate complessivamente oltre $85 miliardi, investito in più di 200 start-up e generato ritorni di portafoglio nel decimo percentile superiore. Rebel utilizza un algoritmo di machine learning proprietario chiamato Rebel Theorem per aiutare a convalidare e scremare potenziali investimenti, costruendo un portafoglio diversificato delle migliori start-up di Y Combinator che è statisticamente progettato per essere più performante.

Come funziona veramente l’algoritmo?

Lo scienziato formato al MIT Ajay Saini ha creato una tecnica di machine learning, chiamata Rebel Theorem, per ottenere un successo nella selezione delle start-up basato sulla probabilità di uscita e sul ROI previsto. Questa versione dell’algoritmo è un’estensione e una versione migliorata di un modello che ha sviluppato durante gli anni di scuola di specializzazione, insieme a due altri colleghi. I termini inseriti nel modello partono dalle metriche legate al fondatore, come: aziende fondate in precedenza risultati finanziari delle aziende precedenti università frequentata tipo di laurea, specializzazione e anno di laurea Ciò è utile poiché in una fase molto precoce, le scommesse su quanto sarà di successo una nuova impresa si basano su chi si trova dietro l’azienda stessa. Nel corso degli anni, grazie all’aumento dei dati raccolti dalle start-up in ciascuna tornata di Y Combinator, è stato possibile trasformare i dati quantitativi in metriche che avrebbero portato a decisioni di investimento.

Ovviamente, numeri e dati non sono gli unici criteri da tenere in considerazione, poiché sono necessarie informazioni aggiuntive per una decisione finale, come ad esempio se l’azienda è una buona idea, ha buoni valori e scopi.

Il primo gruppo è avvenuto nel 2005, e ha ora 10+ anni di risultati sui dati di oltre 1500 start-up di Y combinator. Oggi, i seguenti sono alcuni dei pilastri dietro la decisione finale verso il finanziamento delle start-up: il fondatore aveva in precedenza avviato un’azienda che è stata acquisita e/o ha avuto un’IPO il fondatore è stato un dipendente di una società che è stata acquisita o ha avuto un’IPO il fondatore ha frequentato una delle migliori università il fondatore ha conseguito una laurea triennale

Il fondo ribelle dimostra quanto sia preziosa la diversità, nel senso che un fattore che valorizzano molto è se due fondatori di una start-up hanno frequentato università diverse, poiché ciò porta esperienze e conoscenze diverse e complementari.

Per concludere con alcuni numeri utili, l’algoritmo ha finito per classificare e prevedere nel quartile superiore delle società nel lotto di YC che hanno ottenuto un ROI lordo medio di 40x per gli investitori in fase di avvio, supposto su una base di valutazione di $7-8 milioni.

Continua a leggere dal nostro blog: