Prodotti Strutturati nel 2024: Innovazione e Strategie di Investimento in un Contesto di Tassi Incerti

I prodotti strutturati hanno guadagnato terreno nel 2024, soprattutto in una situazione dei tassi di interesse caratterizzata da incertezza e volatilità. Questa tendenza è legata in modo significativo al contesto dei tassi di interesse. Lo scenario attuale ha spinto gli investitori a cercare opportunità di investimento alternative che offrano rendimenti più elevati rispetto ai tradizionali titoli a reddito fisso. I prodotti strutturati, con le loro strutture di pagamento personalizzabili e le loro caratteristiche di rendimento potenziato. Inoltre, il panorama dei tassi d’interesse ha suscitato negli investitori preoccupazioni per il rischio di tasso d’interesse. Le previsioni di taglio dei tassi o di cambiamenti nella politica monetaria hanno spinto gli investitori a cercare modi per mitigare questo rischio. I prodotti strutturati, come gli swap su tassi d’interesse o le obbligazioni strutturate, forniscono strumenti efficaci per gestire il rischio di tasso d’interesse, coprendo le oscillazioni avverse dei tassi e assicurandosi tassi favorevoli. Oltre alla gestione del rischio, il desiderio di preservare il capitale rimane fondamentale, soprattutto in condizioni economiche incerte. Gli investitori sono interessati a salvaguardare il proprio capitale, cercando al tempo stesso di trovare vie di crescita potenziale. I prodotti strutturati che offrono protezione del capitale, come le obbligazioni a capitale protetto, hanno suscitato interesse in quanto consentono agli investitori di proteggere il proprio capitale beneficiando potenzialmente dei guadagni di mercato, trovando un equilibrio tra gli obiettivi di rischio e di rendimento. Inoltre, in un contesto di bassi rendimenti obbligazionari, gli investitori sono attratti da prodotti strutturati che offrono rendimenti maggiori grazie a strutture di payout innovative e a derivati incorporati. Questi prodotti consentono agli investitori di ottenere tassi cedolari o dividendi più elevati rispetto ai tradizionali titoli a reddito fisso, migliorando così i rendimenti del portafoglio e il rendimento complessivo degli investimenti. La flessibilità e la personalizzazione offerte dai prodotti strutturati hanno contribuito alla loro popolarità nell’attuale contesto dei tassi di interesse. Gli investitori sono sempre più alla ricerca di soluzioni d’investimento su misura, allineate ai loro specifici obiettivi di gestione del rischio, alle loro aspettative di rendimento e alle loro opinioni di mercato. I prodotti strutturati offrono la flessibilità necessaria per progettare soluzioni su misura che soddisfino efficacemente questi requisiti. I prodotti strutturati sono quindi strumenti finanziari che combinano elementi di titoli tradizionali, come azioni o obbligazioni, con strumenti derivati per creare opportunità d’investimento personalizzate in base alle esigenze specifiche degli investitori. Sono progettati per offrire una combinazione unica di profili di rischio e di rendimento che non si trovano tipicamente negli investimenti standard. Alcuni componenti e caratteristiche principali dei prodotti strutturati possono essere ad esempio:

Attività sottostanti: I prodotti strutturati traggono il loro valore da una o più attività sottostanti, che possono includere azioni, obbligazioni, materie prime, valute o indici di mercato. Queste attività sottostanti determinano la performance e i pagamenti del prodotto strutturato.

Strumenti derivati: I prodotti strutturati spesso incorporano strumenti derivati come opzioni, swap o forward per raggiungere obiettivi specifici di rischio o rendimento. I derivati consentono agli investitori di personalizzare la struttura del payoff del prodotto in base alle loro prospettive di mercato e alle loro preferenze di rischio.

Struttura del payoff: I prodotti strutturati offrono diverse strutture di payoff, da semplici a complesse. Tra le strutture più comuni vi sono le note protette dal capitale, le reverse convertible e i prodotti di partecipazione. Il payoff può essere legato alla performance degli asset sottostanti, a una formula predefinita o a una combinazione di entrambi.

Profilo di rischio e rendimento: I prodotti strutturati possono essere progettati per offrire agli investitori diversi profili di rischio e di rendimento. Alcuni prodotti privilegiano la conservazione del capitale con rendimenti inferiori, mentre altri offrono rendimenti potenziali più elevati con una maggiore esposizione al rischio. Il trade-off rischio-rendimento dipende dalle condizioni e dalle caratteristiche specifiche del prodotto strutturato.

Personalizzazione: Uno dei vantaggi principali dei prodotti strutturati è la loro flessibilità e personalizzazione. Gli emittenti possono adattare i parametri del prodotto per soddisfare gli obiettivi di investimento e la tolleranza al rischio degli investitori. Questa personalizzazione consente agli investitori di ottenere un’esposizione a specifiche prospettive di mercato o strategie che potrebbero non essere facilmente disponibili attraverso gli investimenti tradizionali.

Rischio dell’emittente: gli investitori in prodotti strutturati sono esposti al rischio di credito dell’emittente. In caso di inadempienza dell’emittente, gli investitori possono subire perdite, soprattutto se il prodotto non è protetto dal capitale. Pertanto, è essenziale valutare il merito di credito dell’emittente prima di investire in prodotti strutturati.

Nel complesso, i prodotti strutturati offrono uno strumento d’investimento versatile che può essere utilizzato per vari scopi, tra cui la protezione del capitale, l’aumento del rendimento o l’esposizione a specifici temi di mercato.  I prodotti strutturati offrono alle tesorerie aziendali strumenti preziosi per gestire i rischi finanziari e ottimizzare le strategie di investimento:

Gestione del rischio di tasso d’interesse: Le tesorerie aziendali possono utilizzare prodotti strutturati come gli interest rate swap o le obbligazioni strutturate per coprirsi dalle fluttuazioni dei tassi di interesse. Questi prodotti consentono di bloccare i tassi favorevoli o di creare esposizioni ai tassi di interesse personalizzate in base alle proprie esigenze.

Copertura del rischio valutario: Le multinazionali che devono far fronte al rischio valutario possono utilizzare prodotti strutturati come i contratti a termine su valuta, le opzioni o gli swap su valute incrociate per coprirsi dalle oscillazioni avverse dei tassi di cambio. Questi prodotti consentono alle tesorerie di bloccare i tassi di cambio o di creare esposizioni sintetiche in valuta per mitigare il rischio valutario.

Protezione del capitale: I prodotti strutturati che offrono protezione del capitale sono adatti alle tesorerie aziendali che desiderano salvaguardare il capitale e al contempo ottenere rendimenti più elevati rispetto ai tradizionali titoli a reddito fisso. Questi prodotti offrono una protezione dai ribassi durante le flessioni del mercato, consentendo al contempo di partecipare a qualsiasi potenziale rialzo.

Miglioramento del rendimento: I corporate treasury possono aumentare i rendimenti del portafoglio investendo in prodotti strutturati con derivati incorporati che offrono tassi cedolari o dividendi più elevati rispetto ai titoli a reddito fisso standard. Questi prodotti contribuiscono a ottimizzare i rendimenti dell’investimento gestendo il rischio entro parametri predefiniti.

Gestione della liquidità: I prodotti strutturati, come i depositi strutturati o le note a breve termine, offrono alle tesorerie aziendali vie alternative per la gestione del contante a breve termine e l’ottimizzazione della liquidità. Questi prodotti offrono rendimenti interessanti mantenendo la liquidità e la conservazione del capitale, consentendo una gestione efficiente della liquidità e soddisfacendo i requisiti di finanziamento.

Diversificazione del rischio: I prodotti strutturati consentono alle tesorerie di diversificare i portafogli di investimento al di là delle classi di attività tradizionali, riducendo il rischio di concentrazione e migliorando la diversificazione complessiva del portafoglio. Incorporando prodotti strutturati con diverse attività sottostanti e strutture di payoff, le tesorerie ottengono un profilo di rischio-rendimento equilibrato.

Sfruttando efficacemente i prodotti strutturati, le tesorerie aziendali possono migliorare le capacità di gestione del rischio, ottimizzare i rendimenti degli investimenti e raggiungere gli obiettivi finanziari in un contesto di mercato dinamico. Un’analisi accurata, una valutazione del rischio e la consulenza di professionisti della finanza sono fondamentali per garantire l’idoneità e l’efficacia delle soluzioni di prodotti strutturati per le esigenze della tesoreria aziendale.

Alcuni esempi di prodotti strutturati sono i seguenti: 

Interest Rate Swap, Contratti a termine su valuta, Principal-Protected Note, Prodotto strutturato a rendimento maggiorato, Swap sul prezzo delle materie prime, Credit Linked Note con sottostante Corporate e Government Bond.


In conclusione, il trend per il 2024 è chiaro: i prodotti strutturati stanno guadagnando terreno come opzioni di investimento per le tesorerie aziendali, soprattutto in risposta alla situazione attuale dei tassi di interesse. Questo trend è guidato dalla ricerca di rendimenti migliori, dalla necessità di gestire il rischio dei tassi di interesse e dalla crescente domanda di soluzioni personalizzate. Di conseguenza, ci aspettiamo che l’adozione e l’utilizzo dei prodotti strutturati continueranno a crescere nel corso dell’anno, con gli investitori che sfrutteranno le caratteristiche uniche di questi strumenti per ottimizzare i loro portafogli e raggiungere i loro obiettivi finanziari.

Continua a leggere dal nostro blog: