Cartolarizzazione, un approccio innovativo al di là del credito

HOW IT WORKS

Sbocchi Illimitati: Il Ruolo Innovativo del Lussemburgo nella Cartolarizzazione

La Legge sulla Cartolarizzazione del Lussemburgo del 22 marzo 2004, con successive modifiche, testimonia l’impegno del paese nel favorire soluzioni finanziarie innovative. Questa legislazione ha aperto la strada a vie diversificate all’interno del campo della cartolarizzazione, superando i modelli tradizionali basati sul credito. Un aspetto degno di nota è la creazione di comparti segregati all’interno dei veicoli di cartolarizzazione, consentendo l’esposizione a un ampio spettro di attività al di là del credito. Questo approccio innovativo facilita la trasformazione di tali esposizioni in titoli di debito, aprendo le porte a una serie di opportunità di investimento.

Le conseguenze della crisi finanziaria globale del 2008 hanno spinto a un cambiamento di paradigma nel panorama della cartolarizzazione. I governi sono intervenuti per istituire una sorveglianza vigile e quadri normativi, mirando a migliorare la trasparenza nei veicoli di cartolarizzazione. Da allora, il settore ha assistito a una prudente ripresa, che risuona positivamente in Lussemburgo. Con un impressionante numero di oltre 1.000 veicoli di cartolarizzazione e un’abbondanza di comparti associati, il mercato della cartolarizzazione in Lussemburgo sta vivendo una crescita sostenuta. Le previsioni indicano che questa traiettoria ascendente persista e guadagni slancio nei prossimi anni. Come leader europeo nelle transazioni di finanza strutturata e cartolarizzazione, il Lussemburgo offre un quadro legale e fiscale accogliente, che accoglie una vasta gamma di rischi nel campo della cartolarizzazione, caratterizzato da complessità ridotte e quasi completa neutralità fiscale.

Gli investitori professionali, definiti ai sensi della MiFID II, trovano una via semplificata all’esposizione in asset alternativi che un tempo erano considerati illiquidi. Questo è realizzato attraverso l’acquisizione di obbligazioni dematerializzate emesse, nel nostro caso, da H-Securitisation SA, un emittente UE non valutato, quotato sulla Multilateral Trading Facility (MTF) della Borsa di Vienna. I titoli, registrati presso Clearstream, offrono un processo di pagamento “Delivery Versus Payment” (DVP) senza intoppi, garantendo agli investitori la possibilità di detenere i titoli acquisiti nei loro conti.

Vantaggi per i diversi intermediari sul Mercato

Gestore Patrimoniale

La prospettiva di un gestore patrimoniale, di una banca privata o di un fiduciario acquisisce nuova luce. Possedere asset reali si traduce in una posizione più solida quando si cerca un credito Lombard da istituzioni finanziarie. I titoli garantiti da questi asset reali hanno un vantaggio distintivo rispetto agli asset stessi. Ciò è dovuto alla facilità con cui questi titoli possono essere sequestrati e venduti in caso di inadempienza nei pagamenti del prestito, in contrasto con il complesso processo di sequestro di numerosi asset reali dispersi. Inoltre, la valutazione periodica esterna conferisce affidabilità al valore dell’insieme di asset sottostanti, rafforzando la fiducia dell’istituto di credito nella valutazione del collaterale.

I titoli emessi dai veicoli di cartolarizzazione, supportati dagli asset dei gestori patrimoniali, diventano accessibili a investitori terzi che cercano di trarre vantaggio da vie d’investimento alternative. Questi investitori potrebbero essere esperti dell’asset sottostante e interessati ai rendimenti che potrebbero generare. In alternativa, potrebbero avere fiducia nella solidità dell’asset sottostante come collaterale per interessi fissi. Assistendo i clienti nella strutturazione dei veicoli di cartolarizzazione e agevolando la vendita dei titoli di debito, i gestori patrimoniali svolgono un ruolo centrale nel liberare liquidità per i clienti, che possono reinvestirla in altri strumenti finanziari.

Family Office

Oltre ai vantaggi evidenziati in precedenza per i clienti dei gestori patrimoniali, che si applicano anche ai family office, la capacità di pianificare efficacemente la successione o di ereditare in modo efficiente è una considerazione strategica cruciale per le famiglie benestanti. Anche se tradizionalmente i family office optano per la creazione di un trust o di una fondazione per detenere i loro asset, che possono comprendere anche strumenti finanziari, liquidità e partecipazioni in società private, la cartolarizzazione di almeno alcuni dei loro asset reali, come immobili, opere d’arte, metalli preziosi, veicoli (auto d’epoca, aerei, yacht, ecc.) può portare il seguente vantaggio:

I membri della famiglia che possiedono titoli di debito risultanti dalla cartolarizzazione, in base a un accordo di partecipazione agli utili, dei beni di proprietà della famiglia a cui appartengono possono disporre più facilmente, se non della proprietà degli stessi asset sottostanti, almeno dei rendimenti generati da tali asset. In particolare, questa caratteristica consente al family office di gestire facilmente l’allocazione degli asset in modo più o meno frammentato alle persone appartenenti alla famiglia e di ridistribuirli, se necessario, senza alcun ritardo amministrativo o complessità.

Istituto di credito

Storicamente l’utilizzo della cartolarizzazione è sicuramente legato alla riduzione del rischio. Le istituzioni di credito che trasferiscono a un veicolo di cartolarizzazione la proprietà non solo dei crediti (prestiti), ma anche di altri investimenti rischiosi e illiquidi presenti nell’attivo del loro bilancio, permettono di aumentare il loro Tasso di Adeguamento Patrimoniale (CAR), come imposto dal quadro normativo di stabilità finanziaria di Basilea.

Aziende Private

Le aziende private che desiderano accedere ai mercati del capitale di debito o di equity potrebbero attirare finanziamenti in modo più efficace creando una “struttura di alimentazione” che emette titoli quotati e facilmente acquisibili tramite le banche. Il capitale di rischio può fluire più facilmente verso le aziende se l’equity viene venduto a un unico veicolo, rappresentando tutti gli investitori, invece di avere diversi investitori che entrano individualmente nella tabella delle partecipazioni dell’azienda. Anche quando si tratta di prestiti o altre forme di debito, verrebbe messo in atto un singolo accordo con un veicolo intermedio anziché accordi multipli, potenzialmente in conflitto, con diverse parti.

Tipologie particolari 

Credit-Backed Note

Un titolo di debito è garantito da uno o da un pool di strumenti di credito che generano reddito dal debito, come obbligazioni, prestiti, locazioni, ipoteche, crediti commerciali o altre forme di credito. Le Credit-Backed-Note possono pagare agli investitori un interesse fisso durante la durata del prodotto, oppure distribuire un interesse periodico. Alla scadenza, quando consentito, o in ogni caso alla maturità, il titolo verrà rimborsato ad un prezzo equivalente al valore equo degli asset sottostanti, inclusa qualsiasi liquidità, meno le spese accumulate del comparto.

Fund-Feeder Note 

Un titolo di debito garantito da quote di uno o di un pool di fondi di investimento domiciliati in giurisdizioni consentite a livello globale e che investono in una variegata gamma di classi di attività. Il Fund Feeder Note può pagare agli investitori un interesse variabile durante la durata del prodotto, oppure non distribuire alcun interesse periodico, a seconda che i fondi di investimento in cui il comparto investirà paghino o meno una distribuzione interinale e con quale frequenza. Alla scadenza, quando consentito, o in ogni caso alla maturità, il titolo verrà rimborsato ad un prezzo equivalente al valore equo degli asset sottostanti, inclusa qualsiasi liquidità, meno le spese accumulate del comparto.

Venture-Syndicate Note

Un titolo di debito è garantito da equity emessa da aziende private che operano in settori consentiti, compresi quelli dedicati allo sviluppo immobiliare, così come da altre forme di strutture creditizie di mezzanine concesse a tali imprese. Una Venture-Syndacate Note può pagare agli investitori un interesse variabile con una frequenza a sua volta variabile quando una delle aziende in cui investe paga i dividendi o viene liquidata. 

Real asset Note 

Un titolo di debito garantito da asset reali, ad esempio opere d’arte, immobili, terreni, attrezzature, materie prime, risorse naturali, infrastrutture, metalli preziosi, oggetti da collezione, ecc. Una Asset Note può pagare agli investitori un interesse variabile con una frequenza a sua volta variabile quando una delle aziende in cui investe paga i dividendi o viene liquidata.

Questi approfondimenti sottolineano come il Lussemburgo abbia svolto un ruolo di primo piano nel definire una prospettiva innovativa sulla cartolarizzazione, spostandosi oltre la semplice cartolarizzazione di crediti. I comparti segregati, l’accesso semplificato per investitori professionali e l’ampia gamma di titoli offrono un quadro in cui la cartolarizzazione si evolve per affrontare le sfide e le opportunità dei mercati finanziari in continua evoluzione.

Vuoi maggiori informazioni su questi argomenti o sul mondo degli investimenti?

Contattaci per una consulenza gratuita, il nostro team di esperti risponderà alle tue domande!

Continua a leggere dal nostro blog: